MARCHI (SUNIA): NON BASTANO 17 ALLOGGI ERP – IL COMUNE DEVE AVVIARE UN PIANO STRAORDINARIO DI RISTRUTTURAZIONI PER ERP

MARCHI (SUNIA): NON BASTANO 17 ALLOGGI ERP – IL COMUNE DEVE AVVIARE UN PIANO STRAORDINARIO DI RISTRUTTURAZIONI PER ERP

Dichiarazione del segretario generale del SUNIA di Vicenza e provincia, Mauro Marchi, rispetto all’annuncio dell’Amministrazione comunale sul restauro di abitazioni ERP (comunicato del 20 novembre 2018):

«Apprendiamo con piacere di un programma comunale di intervento per la riqualificazione edilizia ed energetica di alloggi di proprietà comunale da assegnare all’edilizia residenziale pubblica (ERP). Si spera che questo sia il primo passo da parte del Comune di Vicenza per prendere atto di una situazione di grave disagio abitativo che da anni oramai colpisce un’ampia fascia di cittadini.
Un intervento che non può fermarsi solo a fasce di popolazione in stato di disagio particolare (come peraltro è giusto che sia), ma deve comprendere un più ampio spettro di interventi atti a soddisfare una “fame di alloggi ERP” oggi molto alta.
Non possiamo nascondere infatti che la crisi economica degli ultimi anni ha inciso pesantemente su fasce di popolazione mai prima raggiunte, e che di conseguenza sono state colpite sopratutto dal problema dell’affitto, con un aumento del numero degli sfratti per “morosità incolpevole”.
Quindi è necessario che il comune metta in atto anche un piano straordinario di interventi di recupero e manutenzione straordinaria del patrimonio immobiliare di proprietà per poter rispondere ad una domanda di casa pubblica pressante e non più eludibile. Dall’esperienza che abbiamo maturato sul campo come SUNIA, questa resta l’unica strada percorribile per coloro che non possono permettersi di accedere al mercato privato degli affitti.
Il Sindacato Unitario Nazionale degli Inquilini e degli assegnatari (SUNIA) ormai da anni segnala all’amministrazione la necessità di un intervento straordinario di recupero e più accurata gestione del patrimonio esistente.
Sottolinea che speriamo che questo sia solo il primo di un più ampio e strutturale piano di intervento a favore dell’edilizia residenziale pubblica che possa rispondere in maniera più ampia di quanto sia stato fatto fino ad oggi. L’esigenza è pressante (altrimenti non si spiegherebbe la crescita negli anni di sfratti per morosità incolpevole!) da parte di un numero purtroppo crescente di cittadini in grave difficoltà abitativa».

NOTA: clicca qui per le istruzioni per far richiesta di casa popolare al Comune di Vicenza

Il SUNIA di Vicenza è a disposizone per assistere i cittadini in questo ITER

Lascia un commento